Molino, cuore di filiera

Molini Fagioli opera dal 1947 principalmente nella produzione di farine di grano tenero, sottoprodotti e semole. Da più di settanta anni il processo è in crescita, collocando oggi Molini Fagioli tra le realtà artigianali più importanti nel panorama italiano.

Riccardo Agugiaro: Amministratore delegato di Molini Fagioli

Per capire meglio la mentalità che si cela dietro a questo grande lavoro abbiamo posto qualche domanda a Riccardo Agugiaro, amministratore delegato del molino. Molini Fagioli è presente nel mondo delle farine da oltre 70 anni. Quali sono le maggiori differenze tra il mercato di allora e quello di oggi?

Sicuramente le differenze sono molte e toccano diversi aspetti. Dal dopoguerra ai primi anni ’90 c’è stato un boom economico che ha portato molte aziende a crescere e ad allargare i propri orizzonti. Basti pensare che fino agli inizi degli anni ’80 la maggior parte dei molini commerciavano farine solo nelle aree limitrofe, senza praticamente mai uscire dalla propria regione. Poi, con l’arrivo della globalizzazione, chi ha saputo muoversi bene è riuscito a fare il salto di qualità. Così è stato per Molini Fagioli, che grazie agli investimenti fatti negli anni ’90 e nei primi anni 2000 è riuscito a cavalcare l’onda aprendo davanti a sé vari mercati, sia in Italia che all’estero.

Molini Fagioli da qualche anno a questa parte ha apportato molte variazioni ai prodotti e alla filosofia aziendale. Avete in mente altre evoluzioni e/o investimenti?

L’obiettivo di Molini Fagioli è quello di lavorare e produrre solo farine artigianali di qualità. Il nostro intento non è quello di aumentare la quantità dei prodotti venduti, ma è quello di ricercare e ottenere la massima qualità dalle nostre farine. Negli ultimi anni sono stati fatti numerosi investimenti volti a raggiungere questo obiettivo. Ma non vogliamo fermarci qui, prevediamo infatti di modernizzare lo stabilimento per aumentare la capacità di stoccaggio – e quindi il numero di silos – per le farine di filiera e perfezionare sempre più la parte di insacco e spedizione. Proprio alla luce di questi interventi abbiamo stanziato 10 milioni di euro che ci aiuteranno, nei prossimi anni, a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Parliamo del mercato del grano tenero: qual è la situazione oggi in Italia e in generale?

Il mercato del grano tenero sta vivendo una tensione incredibile. A causa dei recenti avvenimenti in Ucraina e all’aumento dei costi dell’energia il prezzo del prodotto ha subito un incremento importante in tutto il mondo. Non è possibile sopperire a questi aumenti spostando la produzione in Italia, basti pensare che più del 60% del grano trasformato è di importazione. Quello che possiamo fare è aumentarne la qualità tramite filiere dirette tra molini e agricoltori. Questo filo conduttore è imprescindibile per avere grani di altissima qualità, ciò di cui i molini e tutti noi abbiamo bisogno. Noi stiamo seguendo questa linea con OIRZ, la prima filiera italiana di farine a residuo zero.

Quale futuro si prospetta per i molini di oggi? anche in virtù dell’attuale quadro politico ed economico

Il momento che stiamo vivendo è molto difficile per tutti, ma le aziende che nel corso degli anni hanno investito sono quelle che stanno reagendo nel migliore dei modi.

Come detto precedentemente è fondamentale, anche e soprattutto in virtù della situazione attuale, portare avanti una filiera che coinvolga tutti gli attori – dall’agricoltore fino al consumatore finale – per aumentare la consapevolezza rispetto alla qualità del prodotto garantendo allo stesso tempo una sostenibilità economica lungo tutta la supplychain.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Seguici su

Iscriviti alla Newsletter

  • @2021 Molini Fagioli S.R.L. Unipersonale
  • Cod.Fiscale/P.Iva 01166880540
  • Reg. Imprese di Perugia 01166880540
  • R.E.A. PG 126981
  • Società soggetta alla direzione e coordinamento della Compagnia Generale Molini S.R.L.
  • Cod.Fiscale/P.Iva 02244810343
  • Reg.Imp. di Parma 02244810343
  • Strada dei Notari n. 25/27 – 43044 Collecchio (PR)