Il controllo qualità secondo: Molini Fagioli

Oggi vogliamo raccontarvi quanto per noi è importante il controllo qualità.

Un’attività su cui investiamo moltissimo, sia in termini di strumenti che di personale. Basti pensare che ad oggi un quarto dei dipendenti è dedicato all’analisi delle materie prime in ingresso e al controllo dei prodotti in uscita dal molino.

Il reparto controllo e assicurazione qualità interno alla Molini Fagioli rappresenta l’anello di congiunzione tra i vari reparti del Molino. Gestisce la programmazione di tutte le attività produttive, i controlli qualitativi dalla materia prima al prodotto finito e garantisce il rispetto degli standard di sicurezza alimentare.

Il Team è composto da quattro persone: il Dott. Matteo Tomassoli e la Dott.ssa Ambra Bagnetti, che si occupano della programmazione della produzione e del controllo qualità, il Sig. Enrico Gialletti e la Dott.ssa Elisa Guadagnino addetti al controllo qualità.

Le attività di controllo del laboratorio si dividono in due parti: controlli sulla materia prima in ingresso e analisi reologiche sulle farine macinate e confezionate.

La qualità della materia prima è un elemento imprescindibile per far sì che la farina abbia degli standard di altissimo livello. Per questo motivo la selezione, l’acquisto e lo stoccaggio dei grani viene fatta in maniera mirata in funzione delle esigenze tecnologiche.

I controlli che il laboratorio esegue in accettazione sono, quindi, di fondamentale importanza. Si eseguono controlli visivi e strumentali: i primi per verificare sia l’assenza di infestanti, di origine animale e vegetale, che di corpi estranei. I secondi per testare le caratteristiche di qualità molitoria del grano (peso specifico, umidità e proteine). Un campione rappresentativo del grano scaricato viene macinato con un molino da laboratorio e la farina che ne deriva è sottoposta alle analisi strumentali per poter avere preventivamente informazioni sulle caratteristiche del prodotto.

Le analisi eseguite sulla farina sono analisi reologiche, cioè analisi strumentali che consentono di indagare – attraverso valori numerici specifici – la risposta della farina all’impastamento. Il laboratorio è dotato di tutta la strumentazione necessaria all’indagine dei parametri tecnologici più importanti. Tra questi possiamo citarne alcuni come alveografo di Chopin, estensografo e farinografo Brabender, Glutomatic, Amilografo, Falling Number.

Tutte le farine macinate, quelle insaccate o alla rinfusa vengono sottoposte ad analisi e controlli. Questo lavoro, molto intenso e dettagliato, ci consente di garantire farine di qualità, stabili, controllate in ogni punto del processo produttivo.

Altro tassello fondamentale delle attività del laboratorio è la parte relativa alla programmazione della produzione: tutte le attività del molino sono programmate e gestite dagli operatori Controllo Qualità, che si coordinano con i responsabili dei vari reparti. È sempre il laboratorio a coordinare i flussi delle materie prime, i tempi e le lavorazioni produttive tenendo la tracciabilità di tutto.

Il laboratorio controllo qualità prende parte a tutte le attività di ricerca e sviluppo per il continuo miglioramento dei prodotti al fine di renderli sempre maggiormente performanti agli standard dei clienti. Tutte le farine vengono sottoposte a prove di panificazione con ricette standardizzate o ricette specifiche e, solo quando i valori numerici sono sostenuti dalle prove tecnologiche, la farina riceve il via libera alla commercializzazione.

Iscriviti alla Newsletter